testo e foto di Giuseppe Angiulli

 

 

Certamente il momento non è tra i migliori per organizzare concorsi, non fosse altro che, anche se a macchia di leopardo, per le infezioni tuttora molto presenti tanto che gli enti pubblici obbligano a misure cautelari che mal si addicono a concorsi di tradizioni ove gli assembramenti non mancano.

Proprio per queste ragioni e per una forte impennata di contagi proprio nel Salento non si è riusciti ad organizzare il previsto concorso di tradizione.

 

 

Dopo quello del 2019 che diede inizio alla collaborazione con la CAROLIHOTELS di Gallipoli, il primo viaggio in carrozza da Gallipoli a Santa Maria di Leuca ha sancito un connubio vincente; infatti i progetti fervono per altre importanti iniziative, come il completamento del tour del Salento con la prossima tappa, a breve, da Santa Maria di Leuca ad Otranto.

 

 

Era tuttavia indispensabile tenere alta l’attenzione anche per stimolare altri appassionati a partecipare nelle prossime uscite ed è proprio con questo spirito che il 27 marzo 2022 si sono ritrovati presso il “Resort Le Sirene” di Gallipoli due esimi appassionati di cavalli, Carmine Stifani con il suo Frisone attaccato ad uno splendido break svizzero e Pasquale Scorrano con una pariglia di cavalle Haflinger addestrate dallo spesso Pasquale e di proprietà una del dott. Walter D’Argento e l’altra del signor Dante Cazzato; la coinvolgente passione del signor Scorrano ha fatto si che i proprietari delle cavalle le affidassero a lui per l’addestramento agli attacchi.

Il lavoro fatto dal signor Scorrano è stato encomiabile. Le cavalle hanno ricevuto un addestramento tale che potessero essere affidate al giovanissimo driver Antony Scorrano di soli dieci anni che le ha condotte con maestria trasmettendo alle cavalle la sua sicurezza e serenità.

 

 

Le immagini parlano da sole: sia l’attacco del cavallo Frisone che la pariglia di Haflinger sono il frutto di un lavoro fatto nel rispetto dell’animale, senza forzature ma con pazienza, rispettando i tempi affinché i cavalli siano pronti per un lavoro fatto in serenità e collaborazione con il proprio driver, cercando di allenarli con continuità.

La grande tradizione del territorio rappresentata quasi unicamente da attacchi da lavoro, tanto che sfilate e manifestazioni di questo settore sono all’ordine del giorno, sta virando verso gli attacchi di eleganza, in modo particolare nei giovani che molto timidamente si avvicinano chiedendo consigli; inoltre tanti bimbi, figli di appassionati, stanno iniziando a prendere in mano le redini, magari seguiti addirittura dai nonni i quali accolgono con entusiasmo questo ritorno al cavallo attaccato.

Il programma sul territorio è abbastanza nutrito, ma quello che più preme è far appassionare le giovani leve per creare una nuova generazione di appassionati.

A breve inizierà una serie di seminari, approfittando ancora una volta della disponibilità della Carolihotels, per poter ospitare nelle loro strutture le future riunioni.