Immancabile ma doverosa la foto di gruppo!

 

Passeggiata e Formula Sportattacchi AFAC a San Giorgio della Richinvelda (PN)

Foto e Testi a cura di Mario Gambellin

San Giorgio della Richinvelda, domenica 19 Luglio 2020, l’ennesima stupenda giornata di sole accompagna l’arrivo di tutti i soci AFAC e loro simpatizzanti presso il Lago della Colonia per una ristoratrice colazione a base di croissant caldi appena sfornati, un autentico toccasana per ben iniziare questa passeggiata in terra Friulana. Redini alla mano e uno dopo l’altro il lungo corteo composto da 11 carrozze si mette lentamente in marcia al piccolo trotto verso Valvasone e il Borgo delle Spose, uno tra i più antichi e caratteristici borghi italiani.

Soprannominato il ‘Borgo delle Spose’, Valvasone è un piccolo scrigno pieno di bellezza. La sua struttura medioevale è rimasta pressoché invariata nei secoli. Grazie a questo, il comune di Valvasone è inserito tra i Borghi più belli d’Italia. Gli edifici storici risalenti al XIV e XVII secolo e le piccole calli creano una cornice molto suggestiva per ogni visitatore. Il Castello, che domina l’omonima piazza, risale al ‘200 ma presenta evidenti tracce di modifiche apportate nei secoli successivi. Il Duomo conserva al suo interno un importante organo del ‘500 veneziano (l’unico ancora funzionante in Italia) impreziosito dalle porte della cassa dipinte dal Pordenone e da Pomponio Amalteo.

Una chicca del borgo è rappresentata dalla Chiesa di San Pietro e Paolo, poco frequentata benché al suo interno si possano ammirare magnifici affreschi del ‘500 e un organo del ‘600. Consigliata una visita a settembre durante la Rievocazione storica nel corso della quale guardie, damigelle e giullari riportano indietro l’orologio al tempo del Medioevo.

Sosta con brindisi doveroso per far riposare i cavalli e anche per dare modo a turisti e curiosi di scattare velocemente centinaia di foto a questo storico quadretto antico che pareva essere uscito dalle nebbie del passato. Saluti a tutti con la promessa di ritornare il più presto possibile e al trotto verso la prossima meta in Località Pozzo Dipinto. Amici ed appassionati di cultura equestre stavano attendendo il corteo delle carrozze composto da attacchi singoli e pariglie, una quindicina di cavalli che picchiando in sincrono i ferri sull’asfalto comunicavano a distanza l’arrivo della comitiva. Un abbondante rinfresco all’ombra delle verande ha permesso a tutti di scambiare quattro parole prima della ripartenza, questa volta attraverso lunghissimi e soleggiati filari di Prosecco e Pinot grigio. Il punto d’arrivo era in Località Richinvelda, noto sito storico abbinato alla figura del Patriarca Beato Bertrando.

 

 

 

Il comune di San Giorgio della Richinvelda comprende le frazioni Aurava, Cosa, Domanins, Pozzo, Provesano e Rauscedo, quest’ultima nota in tutto il mondo per la produzione di barbatelle. Il toponimo San Giorgio della Richinvelda lega due componenti storiche importanti, che provano l’origine antica del paese: San Giorgio era l’antica pieve, una delle più estese nella diocesi di Concordia; Richinvelda deriverebbe dal longobardo “bosco di Arichis”. La Richinvelda è tristemente nota per il tragico fatto di sangue del 1350: l’uccisione, da parte di alcuni friulani ribelli, del saggio patriarca novantenne Bertrando di San Genesio e della sua scorta. Un cippo indica il posto esatto, mentre nel cimitero della vicina chiesetta di San Nicolò il ferito fu portato a morire (il fatto viene ricordato solennemente la prima domenica di luglio, con una cerimonia nella sagrestia).

 

 

Al termine dell’ennesimo brindisi fresco per esorcizzare la gola secca, tutti i partecipanti si sono diretti sulla strada del ritorno fissata al Laghetto di Colonia dove la famiglia di Mario Gambellin era già pronta davanti ad una lunga tavolata disseminata in ogni spazio di succulente prelibatezze tipiche del posto sapientemente preparate dalle abili cuoche. Tutta l’organizzazione dell’evento è stata curata nei minimi dettagli sia da Mario Gambellin che da Samuel Muccin che hanno saputo accontentare tutti e senza contrattempi.

 

Al termine del pranzo si è approntato in velocità il campo per la “Prova coni” con 15 passaggi impegnativi ma veloci che hanno mosso l’adrenalina a tutti i partecipanti e pure al pubblico di curiosi intervenuto per l’occasione. Terminata la prova sono seguite le premiazioni con il coreografico taglio della torta. Considerato che il motto nonché  la parola d’ordine da queste parti è … l’importante è essere presenti, i bravi e scrupolosi organizzatori, Mario Gambellin e Samuel Muccin hanno consegnato a tutti i partecipanti un riconoscimento a ricordo della bella giornata, con l’augurio di ritrovarsi nuovamente tutti insieme alla prossima manifestazione presso la famiglia di Renzo Pezzutto.

 

 

 

Di seguito il Calendario Eventi dell’Associazione Friulana Appassionati Carrozze – AFAC – con l’ultimo evento del 26 luglio 2020 che si terrà a Roveredo in Piano (PN). Salvo programmazioni dell’ultimo minuto per il mese di agosto, il primo appuntamento sarà il 5/6 Settembre 2020 come da locandina a fondo pagina.