testo di Giuseppe Angiulli, foto di Giovanni Vitale

Il dott. Roberto Franchini, organizzatore della bella giornata tra amici accomunati dalla stessa passione

Gli inviti per un pomeriggio in carrozza che arrivano dal dott. Roberto Franchini sono sempre molto graditi, non fosse altro per la passione che ha nell’arte di attaccare i cavalli; infatti la sua scuderia conta quattro cavalli carrozzieri di cui tre KWPN e un Hackney che guida con maestria lungo le strade che corrono ai margini del fiume più lungo d’Italia, il Po.

Il dott. Giancarlo Bina con il suo inseparabile Frisone

Nicola Di Buduo alla guida di un appariscente KWPN

Varie volte ero stato suo ospite e ne avevo apprezzato le capacità di guidatore oltre che l’ospitalità, coadiuvato dalla sua splendida moglie Pinuccia e dalle sue bravissime figlie.

Dopo mesi di inattività tutti gli appassionati non aspettavano altro che l’occasione per poter riprendere le redini in compagnia di amici appassionati, per passare una giornata diversa fuori dalle mura domestiche e con l’occasione fare nuove amicizie; sì perché nonostante tutto gli appassionati ci sono e sono tanti e cercano momenti in cui ci si possa incontrare, magari in scioltezza, per potersi godere una giornata in carrozza fuori dalle gare ufficiali senza l’assillo del giudice che sta lì a pontificare se il finimento è del giusto colore, ma piuttosto per parlare di andature, di stile di guida.

La pariglia di cavalli KWPN guidata dal dott. Franchini

Maurizio Foco con una pariglia di cavalli Franches-Montagnes

Proprio con questo spirito il buon Roberto Franchini ha organizzato a casa sua, a Mezzana Bigli (PV), una giornata tra appassionati che volessero in rilassatezza passare una giornata ed un momento di convivialità.

La mattina del 28 giugno 2020 un gruppo di amici sono stati accolti dalla signora Pinuccia che ha preparato un ottimo caffè accompagnato da squisiti pasticcini e, se il buongiorno si vede dal mattino, l’inizio è stato impeccabile.

Michele D’Innella e il suo stallone Andaluso

Molto ammirato lo stallone Andaluso guidato da Carlo Pizzolato

Tutti i convenuti hanno voluto contribuire con le prelibatezze, con torte, pizze, vino  ed ogni ben di Dio: certamente si è notata in modo particolare la gustosa torta offerta dall’amico Nicola Di Buduo.

A suggellare un evento da ricordare, una squisita torta con dedica generosamente offerta da Nicola Di Buduo

Molto gradita la presenza del signor Giovanni Vitale con la sua eccellente maestria fotografica per immortalare la bella giornata che si andava ad affrontare.

Gli equipaggi hanno trovano ospitalità in questo angolo di natura incontaminata e tutti si sono prodigati per potersi gustare una giornata immersi nel verde della vegetazione mentre  i biondi campi di grano attendono di essere mietuti.

Anche la pianura può offrire paesaggi sempre mutevoli, basta saperne cogliere la poesia

Il buon dottor Franchini partecipava con una bella pariglia di KWPN, l’amico Nicola Di Buduo con un KWPN dai movimenti eccezionali, il dott. Giancarlo Bina con il suo fido Frisone che gli permette di affrontare qualsiasi situazione con la massima sicurezza, Maurizio Foco dopo aver passato una vita con cavalli carrozzieri ha presentato una splendida pariglia di cavalle Franches-Montagnes, meno focose ma molto rilassanti, il signor Michele D’Innella alla guida di uno splendido stallone Andaluso e il signor Carlo Pizzolato con la sua bella famiglia ha guidato uno stallone Andaluso che si è fatto molto ammirare.

Provvidenziale il rapido intervento del maniscalco che ha permesso alla carovana di mettersi in marcia con solo qualche minuto di ritardo

Il sole di giugno iniziava ad alzarsi: si parte, il tracciato è ottimale, ai bordi del Po la frescura mitiga la calura, la strada sterrata è ideale in questa stagione; i cavalli guidati con maestria viaggiano in sicurezza, si alterna trotto e qualche tempo di passo sino a raggiungere La Cascina Erbatici che ormai della tipica cascina padana ha solo l’estetica, trasformata in un posto essenziale per organizzare eventi e seminari aziendali.

Anche in paese il poco traffico motorizzato ha lasciato libero il campo per un turismo più eco-sostenibile

L’accoglienza non poteva essere migliore, anche perché, approfittando della rimessa di un ferro ad un cavallo, si è potuto apprezzare con tutta calma un gustoso spuntino accompagnato da ottime bevande e del buon caffè, occasione ideale per essere informati delle attività che si svolgono presso la Cascina Erbatici per bocca del giovane direttore che in perfetto italiano condito da un accento francese ha assolto al ruolo di padrone di casa con garbo e competenza.

Tanti volti sorridenti e la promessa di ritrovarsi presto per un’altrettanto gioiosa ed appagante replica

Se il rientro a casa del dott. Franchini era sospirato per poter finalmente gustare la cucina della signora Pinuccia, allo stesso tempo si sarebbe voluto prolungare questa splendida trottata tra fiumi, golene e strade sterrate dei quali non sempre si può godere a casa propria.

Giunti a destinazione d’obbligo la sistemazione dei cavalli, una bella pulizia, un mezzo secchio di acqua e fieno per tutti mentre all’ombra di alberi ed ombrelloni da mare la signora Pinuccia, aiutata dalle sue splendide figliole, preparavano per tutti gli ospiti un abbondante pranzo estivo apprezzato da tutti.

In un contesto di bellezza, non possono mancare le “Miss”!

Tra un bicchiere di vino ed un boccone di prelibata minestra si parlava di cavalli oltre che di uomini di cavalli, in una conversazione corale difficile da ripetere, non fosse altro perché i tempi cambiano.

Dire di aver passato una splendida giornata tra amici è poco: l’atmosfera che si era creata era di una famigliarità unica. L’auspicio è di poter ripetere simili incontri dove si parla di cavalli e si possano stringere nuove amicizie con cultori dell’arte di attaccare i cavalli.

Dimenticati i tempi bui del confinamento sanitario si riaffaccia con prepotenza la voglia di ricominciare in allegria

Amici grazie per la bella giornata e grazie al buon Giovanni Vitale che immortala queste magnifiche passeggiate, grazie a tutti!

E visto che “tutti i salmi finiscono in gloria”, ecco l’abbondante e prelibato spuntino a conclusione di una giornata meravigliosa

 

La Cascina Erbatici Chateauform a Mezzana Bigli (PV) è la cornice che ha ospitato questo raduno. Si tratta di una struttura il cui nucleo originario risale alla seconda metà del ‘700, dotata delle più moderne attrezzature per seminari e congressi di eccellenza, con le sue 12 sale riunioni oltre a numerose altre più piccole ed un ampio open space, un auditorium, 69 camere e un ristorante. Non mancano neppure le scuderie per praticare l’equitazione, gli animali della fattoria e un lago privato per le attività nautiche.

Cascina Erbatici Chateauform, via Teresa Casati 3, Mezzana Bigli (PV) – tel. 039 5974242, http://chateauform.it, e-mail rcrisan@chateauform.com