Home » Cerimonie ed Eventi » Stai leggendo »

Samuele Boaretti un “Mito Padovano”

 

 

Samuele Boaretti, una leggenda a redini lunghe che si protrae dalla notte dei tempi ed esattamente … 

Stiamo con i piedi per terra e non lasciamoci trasportare dall’entusiasmo nel parlare di questo simpatico ed attraente quarantenne capace di trasformare ed adattare un’antichissimo mestiere in una moderna attività che registra un successo crescente di anno in anno. Sono passati oltre 15 anni da quando venne contattato dallo scomparso dott. Lelio Giusti per partecipare alla 1000 km in carrozza che da Modena attraversò l’Italia fino ad arrivare in Sicilia. Dopo quella entusiasmante esperienza dove uomini e cavalli per 50 giorni dividevano esperienze del passato riadattate al contesto presente, Samuele iniziò la sua inarrestabile ascesa a Cocchiere professionista sotto tanti punti di vista. Forte della sua antica arte di maniscalco che conviveva felicemente con quella di cocchiere iniziò a fare conoscere a Padova, Bibione e dintorni l’emozione di una rilassante passeggiata in carrozza.

 

 

Non si finisce mai di imparare!

Parole sacrosante! Quando anni fa, al culmine della carriera, credeva di avere in mano il “sapere” e la potenza dell’esperienza pregressa, fu costretto ad imparare un nuovo lavoro: l’inventore! Ecco la cronaca degli accadimenti. Ad ogni uscita, fiero e baldanzoso, montava a cassetta osservando con piacere il lucido mantello dei suoi fidati e ben pasciuti cavalli Lipizzani che accudiva personalmente presso le sue tenute in campagna (Loc. Stanghella,Padova), inoltre si compiaceva che ad ogni chilometro percorso non avrebbe mai inquinato l’aria ma al contrario con le ecologiche deiezioni dei suoi cavalli rendeva un enorme servizio all’ambiente. Ogni tanto nelle fresche nottate estive era ricorrente il solito sogno che lo vedeva sopra un palco con la Banda che suonava e le più alte cariche istituzionali comunali che gli appuntavano una medaglia al merito per Comportamenti eroici a favore dell’umanità e di un mondo più pulito! 

In una domenica mattina nel corso di un matrimonio, i sogni notturni di mezza estate del fantasioso cocchiere si infransero come un bicchiere di cristallo caduto dal 5° piano di un condominio. “Lei con i suoi cavalli ha imbrattato il suolo pubblico” tuonò una voce proveniente da un Tutore dell’ Ordine, “Per Lei un’ammenda di 300 euro!”.  Mentre con la coda tra le gambe si allontanava dalla piazza, ecco il colpo di grazia dell’animalista: “Si vergogni, mettere il morso in bocca alla povera bestia che è nata libera e al pascolo nel Paradiso di Adamo ed Eva, vada lei a trainare la carrozza!”  Fu in quella occasione che il cocchiere Samuele divenne inventore e maturò l’dea delle Mutande equine conosciute oggi con il termine tecnico di “Sacche porta-fiande per equidi”. Da allora le apposite sacche accompagnano ad ogni uscita i cavalli e lui a cassetta (molto ingenuamente) si chiede osservando le migliaia di marmitte delle automobili mentre scaricano gas tossici: “A loro la multa per imbrattamento dell’ambiente e danni irreversibili alla salute pubblica … nulla ?!? ”  (Misteri della vita o realtà dei furbetti del  quartierino? … ai posteri l’ardua sentenza!)

 

 

SAMUELE  BOARETTI e le sue passeggiate nei Colli Euganei

Per scoprire il fascino dei Colli Euganei in completo contatto con la natura proponiamo divertenti itinerari dedicati all’arte e romantici paesaggi, a bordo di un break wagonette a 8 posti coperti. Sono disponibili svariati itinerari panoramici della durata di una giornata, con tragitti immersi nel verde e nel silenzio per un perfetto relax. Il tragitto verrà intervallato da visite guidate e degustazioni di prodotti stagionali del territorio. Tra le varie bellezze che offrono i Colli Euganei potremo scegliere di visitare il centro storico di Monselice e le Sette Chiesette settecentesche che sorgono sul colle della Rocca, o il centro di Arquà Petrarca, uno dei borghi più belli d’Italia, per ammirare la casa del Petrarca. Verremo accolti nel Castello di Lispida, che un tempo era un antico convento, dove potremo gustare i vini locali, prodotti con metodi antichissimi, accompagnati da gustosi stuzzichini. In alternativa, visiteremo l’antica e prestigiosa residenza di Villa Selvatico, circondata da un parco secolare in cui sgorgano sorgenti di acqua termale e il magico Castello del Catajo, magione cinquecentesca.

 

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Sport

Lipiça 2019: c’erano quasi tutti!

Sport

Juniores in Germania: là dove la competizione si fa più dura

Sport

21/7/2019: dimmi dove vai e ti dirò chi sei

Partner