Stai guardando: Home » Il cavallo da lavoro, In Evidenza » Isola Della Scala 2018 Antiche Tradizioni & Giovani “Stalloni”

 

 

 

 

 

 

 

 

_

_

 

 

La Fiera del Riso di Isola della Scala è nata nel 1967, continuando di fatto la tradizione delle feste che si tenevano nelle campagne della pianura Padana alla fine del periodo del raccolto. All’inizio si trattava di un unico piccolo stand situato al centro del paese che per un fine settimana serviva risotto e vino. Cresciuta negli anni oggi è una delle principali manifestazioni enogastronomiche d’Italia, con oltre 500mila visitatori nell’arco di tre settimane a cavallo tra settembre ed ottobre. Protagonista indiscusso della Fiera è il Nano Vialone Veronese Igp. Un tipo di riso, coltivato in una zona circoscritta della pianura veronese, che nel 1996 è stato il primo in Europa ad ottenere il prestigioso riconoscimento IGP (Indicazione Geografica Protetta). L’evento si tiene in parte all’interno di una struttura moderna in legno e vetro, il Palariso, così denominata perché dall’alto ricorda appunto un chicco di riso. Si tratta di un moderno open space di 4.800 metri quadrati, che è stato inaugurato nel 2011. Accanto al Palariso, durante la Fiera del Riso, viene montata una tensostruttura di maggiori dimensioni per contenere tutti i visitatori e gli stand gastronomici.
_
_
_

Gli Attacchi sostano davanti agli stand del “Palariso”

 

 

 

Uno scorcio dell’originale allestimento nel viale dei mercatini a Isola della Scala

 

_

_

_

 

La particolarità della Fiera del Riso sta nella filiera cortissima dalla risaia al piatto. Infatti il riso ad Isola della Scala, e nei limitrofi comuni veronesi, viene coltivato da piccole aziende famigliari che in buona parte si occupano dell’intera filiera: coltivano, pilano, confezionano, cucinano e vendono riso e risotto. Il risotto all’Isolana è in assoluto il più servito. La ricetta rappresenta una tradizione talmente importante che nel 1985 l’allora sindaco del Comune di Isola della Scala la rese ufficiale con una delibera. Oltre alla tipica ricetta all’isolana in tutto tra stand, concorsi e serate gastronomiche a tema, il riso viene servito con circa 100 diverse ricette. Il Top Show della Fiera è un evento nell’evento, che porta a Isola della Scala famosi chef e ristoratori stellati provenienti da varie regioni Italiane; cene in cui ogni portata viene abbinata dai sommelier dell’AIS (Associazione Italiana Sommelier) a vini provenienti dai territori degli chef. In Fiera non si trovano solo risotti, ma anche pizze e dolci con farina di riso, sushi con pesce d’acqua dolce, arancini, paella.

>> INGRESSSO LIBERO. stand enogastronomici e degustazioni a pagamento
>> Per essere sempre aggiornato, metti Mi Piace sulla nostra pagina WWW.FACEBOOK.COM/VERONA.NET
_
_
_
_
_
_
_
_
_
 All’ingresso del paese, prima della lunga fila di bancarelle e gazebo ci accoglie l’antica chiesetta della Madonna al ponte della Formiga la quale, per prima, ci ricorda le antiche usanze e tradizioni di questi luoghi, considerato che venne costruita nel lontano 1687.
La chiesetta della Madonna al ponte della Formiga, sulla sinistra del canale Piganzo, fu fatta costruire dall’Abate Bongiovannni nel 1687 per il 20° anniversario della sua entrata a parroco di Isola. Sulla porta d’entrata della chiesa, sotto lo stemma dei nobili Dongiovanni, affiancato dalle insegne abbaziali si legge: “D.O.M Hanc. Deip. Virg. Aedem propris ed piorum expensis erectam Hieron. Bonioannes Nob. Ver. Abb. Et Insul Scal. Arch. Dicavit Anno D.ni MDCLXXXVII”; (questo oratorio, eretto a spese proprie dei devoti, fu consascrato alla Vergine Madre di Dio dal nobile Gerolamo Bongiovanni, arciprete di Isola della Scala nell’anno 1687).
All’interno le pareti presentano un ciclo di dipinti mariani ormai cancellati dall’umidità e, sopra l’altare, è affrescata un’immagine della Madonna con Bambino. Nel pavimento vi è una lunga epigrafe tombale; un’altra collocata sull’altare, dono del sacerdote G. B. Monga recita: D.O.M Deiparae Rev.us Jo. Bapta Monga aere proprio erexit Sept. Idus Sept. NMCCI”. (A Dio Ottimo Massimo e alla Madre di Dio il reverendo Giovan Battista Monga, a proprie spese eresse il  7 settembre 1701).
Il Monga lasciò alla chiesa anche 300 ducati perché fosse offerta per sé e per i suoi una messa quotidiana con relative preghiere di suffragio. La chiesa si trova vicino al centro in Via Marconi.
_
_
_
_
 ISOLA DELLA SCALA  23 Settembre 2018 ore 10, parte il corteo rievocativo dal “Palariso” al centro del paese in festa.
_
_
_
 

A sin. il Complesso Bandistico Scaligero “Vincenzo Mela”  e le Autorità comunali

 

Dai piccoli quattro-zoccoli ai grandi TPR, c’è posto per tutti!

 

__

__

 

 

In tantissimi hanno partecipato alla sfilata attraverso le vie cittadine, possiamo dire che era presente tutta la popolazione, dai giovanissimi ai meno giovani a rappresentare le antiche tradizioni agricole di questi territori.
 __
__

La popolazione

 

 

Le Istituzioni

 

 

 

Nelle tradizioni agricole non può mancare il trattore e il volto dell’agricoltore sempre allegro e sorridente. Sarà perchè fa un lavoro che gli piace … beato lui!

 

 

 

Tra le vie del paese risuonano ancora gli antichi suoni dei ferri con i cavalli che trainavano i pesanti carri

 

 

 

Nicola e Alessandro Venturini con il poderoso TPR

 

 

Il simpaticissimo attacco di Luca Miazzo e Ambra

 

Pariglia di TPR anche per Italo Bianciotto

 

Italo Bianciotto con a fianco Elisabetta Chiminazzo

 

 

I “Personaggi” della Confraternita dei Nostalgici del Tabar di San Antonio Abate

 

 

 

 

Carrozzino per bambini originale d’epoca con “Pedalata-assistita”

 

Per quanto ci riguarda un doveroso riconoscimento e premio speciale simpatia di “Carrozze & Cavalli” all’attacco più particolare: il “Bici-calès”

Tra le tante proposte udite nell’ultimo anno riguardanti le carrozzelle turistiche di Roma, si potrebbe pensare anche a questa alternativa: la “botticella” romana da 500 kg. con due turisti da 80 Kg. l’uno e due biciclette a tandem attaccate alla carrozza con sopra … quattro robusti “amici del cavallo maltrattato” che pedalano!

 

 

 

Nicola Venturini con a fianco Mattia Manente

 

Bagno di folla per gli attacchi presenti alla sfilata

 

 

 

 

 

L’importante è stare in buona compagnia con gente che la pensa come te!

 

 

 

 

RADUNO CANDIDATI STALLONI 2018 ISOLA DELLA SCALA

 

Per le varie prove di Morfologia dobbiamo ammettere che anche se non abbiamo visto migliaia di allevatori in campo, quella nutrita rappresentanza italiana che si è presentata è riuscita a ben figurare. Bella e gradevole giornata di sole, spalti gremiti di appassionati e curiosi che tra una bancarella e uno stand non mancavano di buttare un occhio a quei cavalli. Da tenere presente anche per chi è introdotto nel mondo dei cavalli che la Categoria del Cavallo da Lavoro o T.P.R. – Tiro Pesante Rapido – ha dei criteri di valutazione ben diversi da un normale cavallo da sella, pertanto se tutto il pubblico andava in visibilio nel vedere le andature allegre, le impennate, le brusche e repentine avanzate, la commissione giudicante composta dai tre giudici designati da ANACAITPR nutriva qualche dubbio e sollevava qualche … però!

 

Il giudice Giuseppe Mastrangelo

 

E infatti da qualche tempo in queste manifestazioni di morfologia l’Associazione Nazionale si sta impegnando a fondo per raccomandare agli allevatori una maggior preparazione alla presentazione, cosa che dà lustro alle manifestazioni ma che certamente, in primis, è importante per l’allevatore al fine di valorizzare il suo soggetto nel momento della valutazione. Un’evoluzione di professionalità che l’allevatore deve curare come fosse “l’ultimo miglio” di un lungo percorso che parte dalla scelta dell’accoppiamento e passa attraverso due anni di impegno nella cura dei giovani soggetti.

 

Giudici al lavoro: da sinistra Emiliano Gentili, Giuseppe Mastrangelo e Giuseppe Pigozzi microfono alla mano a spiegare al pubblico le caratteristiche e note salienti degli “stalloni 2018”

 

 

Ma qualche buon segno c’è… a questo proposito vale la pena ricordare che a Caravino (TO) si sono conclusi da pochi giorni (23 settembre 2018) il Campionato Italiano di Completo e quello di Combinata riservato alla Categoria “Cavalli da Lavoro”.  Si è infatti imposta una cavalla CAITPR alle redini di Thomas Pedron  … c’è da sperare che le presenze del CAITPR si allarghino in questo settore.

 

Thomas Pedron

 

Thomas Pedron

 

Per informazioni più dettagliate:

http://www.anacaitpr.it/anacaitpr/dynamic/news/244%20-%20ALBUM%20TECNICO%20STALLONI%20GENERAZIONE%202016%20RADUNO%20ISOLA%20DELLA%20SCALA.pdf

 

Simone Pavan

 

 

Andrea Faggionato

 

Con la guida alla “Carrettiera” Fabio Magonara

 

 

 

 

© Copyright Carrozze&Cavalli · Powered by Purple Lab Design