Tra le tante manifestazioni ed eventi che chiuderanno il Centenario della fine della Prima Guerra Mondiale ve ne proponiamo due che in maniera più o meno diffusa segnalano la presenza dei nostri amici animali che ebbero un ruolo determinante nel corso del conflitto.

 

 

 

_______________    ________________    __________________

 

 

 

 

 

 

 

 

__________________________________________________________

__________________________________________________________

 

 

Le due autrici del libro: Serenella Ferrari (foto in alto) e Susanne E.L. Probst

 

Sabato 10 novembre 2018 presso la Caffetteria “IL PARTERRE” di Pistoia si terrà la presentazione del libro “Muli e conducenti! Tutti presenti!  Il legame tra muli e alpini attraverso 120 anni di storia”. Lo studio è dedicato al profondo legame tra i muli e le Penne Nere che insieme hanno attraversato 120 anni di storia ovvero dal 1872, anno di fondazione del Corpo, al 1991 quando il Ministero della Difesa decise che i muli non erano più utili alle nuove esigenze dell’esercito e di conseguenza furono battuti all’asta come carne da macello.

 

Curato da Serenella Ferrari e Susanne E.L. Probst, il libro presenta un excursus sulla storia e la nascita del Corpo, fino alle caratteristiche dell’animale, che ha attraversato con gli Alpini le due guerre; ampio spazio è dato ai muli rimasti famosi nella storia ma soprattutto a una prima mappatura dei monumenti presenti in Italia dedicati a questi quadrupedi e al loro ruolo nel futuro sulla penisola. Proprio in Toscana, dove i muli fino a poco tempo fa erano a rischio estinzione, il loro numero si è triplicato negli ultimi 5 anni grazie ad una maggiore attenzione alle attività eco-compatibili.