Stai guardando: Home » Sport, In Evidenza » Il Mondiale si tinge d’argento per Cividini e Greydanus

 

 

Quello di Mezöhegyes in Ungheria era l’ultimo campionato internazionale con presenza italiana e la stagione 2018 si è veramente chiusa in bellezza. Infatti nel Campionato del Mondo per Giovani Cavalli da Attacco il KWPN di 7 anni Greydanus, di proprietà di Rita Onofrio, si è aggiudicato la medaglia d’argento, magistralmente portato al successo da Cristiano Cividini. Questo risultato eclatante ha fatto distogliere un po’ l’attenzione anche dall’altra bella prestazione di Cividini con il suo castrone di 6 anni Handro, che si è classificato 8° nella sua categoria. Da notare la valutazione di 9 punti nel galoppo, la migliore del mondiale, anche se per contro, data la sua giovane età, deve ancora imparare a “mitigare la sua irruenza nel cross”, come rileva giustamente il driver.

 

Cristiano Cividini con il suo Handro, KWPN di 6 anni

 

Dato che questa gara si fonda quasi unicamente su valutazioni attitudinali, siamo contenti che alla fine la giuria abbia reso merito sia alle qualità naturali del cavallo, sia alla sua gestione da parte del nostro guidatore. Nella prova finale, il derby, Greydanus ha fatto registrare il secondo miglior punteggio su tutte le categorie messe insieme.

 

Greydanus, driver Cristiano Cividini, groom la proprietaria, Rita Onofrio

 

Se l’obiettivo di questa partecipazione era stato quello di testare con un giudizio autorevole le potenzialità del cavallo in questa specialità equestre, la risposta è stata chiara, tanto che nel prosieguo del suo addestramento forse il guidatore un pensiero sul suo coinvolgimento in vista di un mondiale singoli tra due anni è lecito supporre che se lo stia facendo.

 

Una medaglia d’argento che allarga il cuore

 

In fondo sono trascorsi pochi mesi da quando la proprietaria, resasi conto che il cavallo era forse troppo forte per lei, lo ha affidato a Cividini: onore al merito per questa scelta. Nella loro prima gara insieme quest’anno a Chablis alla fine di giugno si erano già evidenziati i presupposti per un deciso miglioramento nella resa del cavallo. In quella occasione si era tuttavia palesato che un confronto con cavalli ormai affermati e di lunga esperienza sarebbe stato impari. Niente di meglio che proseguire per gradi, senza voler strafare, evitando il pericolo di “bruciare” il cavallo con richieste per le quali non era ancora maturo.

Ecco quindi la strategia vincente che è stata coronata dal grande risultato.

 

Greydanus impegnato nel derby. Dietro al driver l’ormai collaudata groom delle prove di maratona, Laura Bortolato, che monta anche i cavalli di Cividini in dressage

 

Per la cronaca le tre medaglie d’oro sono andate tutte e tre a concorrenti tedesche del gentil sesso.

 

Tre temibili guidatrici tedesche, ognuna vincitrice della medaglia d’oro nelle tre categorie d’età

 

Nei 5 anni vittoria di Adele M guidata da Bettina Winkler, un’assidua frequentatrice di questi campionati e pluricampionessa tedesca soprattutto nelle categorie per giovani cavalli, vincitrice della medaglia d’oro anche l’anno scorso qui a Mezöhegyes con una femmina di 5 anni. Bettina ha preceduto nell’ordine il polacco Bartlomiej Kwiatek con Frombork e l’austriaco Alexander Bösch con Finesse 374.

Nella categoria riservata ai 6 anni si è imposta la tedesca Jessica Wächter alla guida di Charly Brown davanti al connazionale Lars Krüger con FST Laurin e al polacco Bartlomiej Kwiatek con Renesans. Handro, guadagnato subito l’accesso alla finale, terminava, come detto, all’8° posto, lo stesso conquistato l’anno scorso nella categoria dei 5 anni.

 

Bandiera al vento e giro d’onore per Greydanus con Cristiano Cividini, Laura Bortolato e Rita Onofrio

 

Per i “più anziani dei giovani” vittoria della tedesca Marie Tischer con il castrone di 7 anni Fortino, lo stesso cavallo con cui tre settimane fa lei stessa ha vinto la medaglia d’argento nei Campionati Europei cat. Young Driver, dove tra l’altro vinceva la prova di dressage con 40,64 penalità. Già nel 2017 questo cavallo aveva vinto l’oro nella categoria dei 6 anni e con le sue eccezionali prestazioni nel dressage tutto lasciava supporre che avrebbe avuto successo anche quest’anno. Seconda piazza per Cividini, vittorioso nel derby ma penalizzato nella prova di dressage tanto da non riuscire a prevalere nel risultato finale mentre il bronzo è andato a Weronika Kwiatek con la cavalla morella di razza Silesian Loxia.

 

Un saluto anche da parte mia – firmato Greydanus

 

Come nota a margine è utile segnalare che per esempio il guidatore di grande successo Bartlomiej Kwiatek, presente qui con 3 cavalli, lavora come dipendente presso il deposito stalloni del governo polacco a Ksiaz, quindi ha sempre a disposizione un’ampia scelta di soggetti da cui attingere quelli più qualitativi e promettenti da presentare. Un discorso analogo vale anche per Andrea Dobretsberger, moglie del direttore dell’allevamento di Lipizzani di Piber.

In conclusione non possiamo che fare i complimenti a Cividini sperando che questa medaglia d’argento sia il prologo ad uno splendido futuro per il bel sauro Greydanus.

 

 

Per le foto si ringrazia Krisztina Horvath/Hoefnet

 

 

classifiche giovedì 1^ prova di qualificazione

classifiche venerdì 2^ prova di qualificazione

classifiche sabato prova di addestramento

classifiche finali addestramento + derby

 

 

© Copyright Carrozze&Cavalli · Powered by Purple Lab Design