Stai guardando: Home » Sport, In Evidenza » CAI Stadl Paura 2017: AZZURRINI avanti tutta!

 

Degli AZZURRINI che hanno partecipato ai Campionati Europei 2016 in Germania non ne sono rimasti molti a mettersi in gioco ad alto livello, ma davanti a quelli che si sono prefissati l’obiettivo di dimostrare al mondo l’anno prossimo quanto valgono c’è da togliersi tanto di cappello!

Splendida vittoria nell’Internazionale in Austria di Sara Bombelli, passata quest’anno dalla categoria Children alla Junior. E non si tratta del gradino più alto del podio risicato e dovuto magari ad un aiutino da parte della fortuna: tutto guadagnato, con la vittoria sia nel dressage che nei coni ed un terzo posto in maratona a meno di 3 punti dalla vincitrice di quella prova. Brava Sara, avanti così, tu con il tuo “Bandito” (il pony si chiama The Bandit) e bravo anche il tecnico che ti segue, Emilio Gamba, che ti ha accompagnata passo-passo nella crescita agonistica fino al magnifico risultato di questo importante impegno internazionale.

 

Sara Bombelli: una promessa degli attacchi italiani

 

E prima di parlare di chiunque altro un Bravo con la “B” maiuscola va riconosciuto anche alla sfortunata Francesca Consolini che ha mancato la vittoria per una svista nella prima porta del primo ostacolo di maratona. Una porta molto larga posizionata in diagonale, passata tenendo la lettera rossa sulla destra e puntando di gran carriera alla porta B senza rendersi conto che anche la lettera bianca era rimasta alla sua destra. Una manovra che l’ha avvantaggiata al massimo di 5 secondi sul tempo totale in quell’ostacolo. Se consideriamo che era prima nel dressage e che avrebbe vinto anche la maratona, essendo tra i primi tre in tutti gli ostacoli e nonostante la caduta di 3 palline nei coni in gran parte dovuta alla delusione, avrebbe assicurato all’Italia la seconda vittoria nel concorso. E’ vero, le gare vanno vinte senza se e senza ma, tuttavia il merito in questo caso non ne rimane scalfito. Ogni grande campione prima o poi deve fare i conti con un errore. Anche così si costruisce per il futuro e quando una disattenzione brucia, alla prossima occasione si tirano fuori unghie e denti. Francesca, l’Italia sa che puoi farcela alla grande, l’hai dimostrato sul campo, quindi all’appuntamento internazionale di Palmanova a metà settembre tutti i tuoi fan staranno con le dita incrociate!

 

A sinistra il Tecnico Emilio Gamba con le due vincitrici del dressage, Sara Bombelli e Francesca Consolini; a destra Francesca con il Tecnico Alberto Tosi nelle funzioni di groom; sotto un fotogramma della premiazione del dressage della categoria Children con la sorridente Francesca

 

In cambio chi è riuscito a salire sul terzo gradino del podio nella stessa categoria è Andrea Pili, in gara con 2 attacchi, la relativamente nuova Blakt’s Darwina ed il fedele Babalui, compagno di mille scorribande, con il quale si è classificato quarto. Un terzo posto sofferto, dato che pur partendo per secondo con la femmina è incorso in un errore di percorso nel dressage incassando 5 punti di penalità e in maratona ha avuto qualche difficoltà nel tenerne a bada l’irruenza. Ma tutti sappiamo ormai che Andrea è il mago dei coni: se l’anno scorso ha sbaragliato tutta la grande platea europea aggiudicandosi il podio per questa prova agli Europei, anche questa volta ha messo a segno un percorso netto che ha fatto la differenza nel risultato finale. Questo per avvalorare la tesi per cui ogni singola prova può avere un peso determinante!

 

Andrea Pili, 3° classificato, a sinistra mentre si appresta ad affrontare la sua gara preferita, i coni, e a destra in maratona, con tutta la grinta di cui è capace

 

Oltre agli Azzurrini in campo anche 6 Italiani nelle categorie Senior.

Nei Singoli Cavalli ottima prestazione di Luca Cassottana con Caprichoso, autore di un dressage definito “corretto e pulito” da parte di chi era presente, una bella maratona che l’ha visto terminare secondo ed una sola pallina nei coni con una piccolissima infrazione sul tempo. In complesso un quarto posto finale più che meritato e buone prospettive di ulteriore miglioramento. Un concorso un po’ sotto tono invece per Enrico Tortella con Apollantes, con un discreto dressage che gli consegna la qualificazione per i mondiali dell’anno prossimo, una maratona portata a termine ma senza lo sprint a cui Enrico era abituato con precedenti cavalli e risultando in generale ancora alla ricerca di una migliore intesa con questo cavallo.

 

Luca Cassottana, 4° nella categoria Singoli Cavalli

 

Nelle Pariglie Cavalli ecco ricomparire sulla scena Mirko Cassotti che al suo esordio in un internazionale in questa categoria arriva primo degli italiani dimostrando che la stoffa ci sarebbe – e l’età per fare grandi cose anche! Resosi conto forse che il Singolo “non è nelle sue corde” ha evidentemente operato nel senso giusto, portando in gara quelli che non sono dei cavalli espressamente nati per la competizione e riuscendo comunque a destreggiarsi egregiamente terminando nono tra concorrenti in parte superesperti, con alle spalle varie partecipazioni ai Campionati del Mondo. Esordio come navigatrice in maratona anche della fidanzata Justine che ha tenuto botta, andando ad allargare il novero delle “groom di attacchi più agguerrite d’Italia”. Dietro a Cassotti l’indistruttibile Carlo Mascheroni, con qualche problema di salute dal quale evidentemente non si lascia intimidire, portando a termine una gara in linea con la situazione contingente e superando, grazie anche alla lunga esperienza, l’agonisticamente giovane Giorgio Proietti. Da segnalare da parte di quest’ultimo un risultato in dressage assolutamente promettente, con 57,04 penalità.

 

I tre concorrenti italiani della categorie Pariglie Cavalli: dall’alto Mirko Cassotti, Carlo Mascheroni, Giorgio Proietti

Infine nella categoria Singoli Pony ritroviamo il tecnico che ha “costruito” il successo di Sara, Emilio Gamba, in gara con una nuova cavallina ancora molto inesperta che, nonostante in questa occasione si sia dovuta confrontare con compiti forse al di sopra delle sue attuali possibilità, potrà dare in futuro tante soddisfazioni al suo driver.

 

Emilio Gamba

 

In quanto al concorso, al quale erano affiancati vari campionati nazionali, è stato ancora una volta dimostrato di quali numeri possano fregiarsi le nazioni straniere: ben 128 i partenti!  La location è costituita dal comprensorio di una sorta di deposito stalloni, in parte di proprietà pubblica ed in parte dell’Associazione Allevatori. Oltre alla gestione degli equidi tuttavia offre valide scuole di equitazione ed attacchi a tutti i livelli con istruttori molto qualificati e organizza in un solo anno circa 25 concorsi nelle varie discipline equestri.

 

L’allegra combriccola ospite di Nonno Tameni

 

Quest’anno a dirigere “il traffico” del CAI il nostro Delegato Tecnico FEI Roland Morat al quale l’esperienza è sicuramente servita, visto il gran numero di situazioni di ogni tipo da gestire, il tutto con un limitato numero di Ufficiali di Gara e di personale di supporto. Ora vedremo all’Internazionale di Palmanova a metà settembre se avrà fatto tesoro di questo arricchimento del suo bagaglio di cognizioni: l’auspicio sarebbe che anche in quella occasione debba confrontarsi con una così vasta platea di partecipanti ma a noi basta che tutto si svolga nei dovuti modi, con soddisfazioni di tutte le parti in causa.

 

Il Delegato Tecnico FEI Roland Morat

 

Un plauso, ancora una volta, a nonno Tameni, che con la sua “dépendance” superattrezzata ha fatto da collante per tutta la squadra che ha potuto così trascorrere tutte le serate in allegria.

 

Riscaldamento dei cavalli in stile XXI secolo

 

Per le foto si ringrazie la disponibilità di Sonja Bauer e di chi, impegnato nelle gare, ha fatto quello che poteva! Molte altre belle immagini, delle quali noi purtroppo non possiamo fare uso, su www.teammyrtill.com

 

I Magnifici Nove

 

Classifiche degli Italiani

 

 

 

 

© Copyright Carrozze&Cavalli · Powered by Purple Lab Design