Stai guardando: Home » Tradizione e Cultura, Cavalli di razza, In Evidenza » GAME FAIR ITALIA: il 2017 segna un incremento dell’8%

Un flash dell’inaugurazione… rigorosamente in carrozza con Michela Gazzola e le sue Umbria e Giara GM

Successo per il Festival della natura e delle attività outdoor organizzato a Grosseto (2-4 giugno) da GFI, società controllata da ItalianExhibition Group e partecipata da Grossetofiere e CNCN

 Grosseto, 5 giugno 2017 – Game Fair sempre più piattaforma di attrazione e volano di promozione delle attività outdoor. La 27° edizione, chiusasi ieri a Grossetofiere, nel cuore della Maremma toscana, ha registrato un incremento del numero dei visitatori dell’8% rispetto al 2016 durante tre giorni interattivi all’insegna della natura e dello sport, dello stile di vita campestre e della vita all’aria aperta.

Betty con massimo Boldrin al traino di un attrezzo agricolo moderno

Un’area di 30 ettari ben attrezzata ha ospitato circa 150 aziende mondo venatorio, tiro sportivo e sport outdoor in generale, equitazione e cinofilia i comparti rappresentati – e un ricco palinsesto di eventi completamente rinnovato. Oltre 250 attività e spettacoli esperienziali hanno coinvolto appassionati, sportivi e famiglie, che hanno potuto immergersi nel country life, assistere a show di cavalli, esemplari canini e falchi, praticare svariate discipline sportive, tra cui tiro, bike, arrampicata, canoa, trekking, orienteering, escursioni e off-road, oltre a degustare specialità enogastronomiche.

Game Fair è stata organizzata da GFI Srl, società controllata da ItalianExhibition Group SpA (IEG) e partecipata da Grossetofiere (recente l’ingresso nel capitale sociale da parte della società fieristica grossetana) e dal Comitato Nazionale Caccia e Natura (CNCN). Questa edizione ha coinvolto diverse realtà del territorio e ricevuto la collaborazione del Comune di Grosseto, dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione, delle Associazioni di Categoria (Artigianato e Commercio), del Museo di Storia Naturale di Grosseto e del Parco della Maremma.

 

Maurizio Di Trani, Presidente di GFI e Direttore Marketing & Sales di IEG, ha dichiarato: “La scelta di integrare il format tradizionale, focalizzato su tiro sportivo e sport venatori, con un più ampio ventaglio di proposte outdoor si è rivelata vincente, vista l’affluenza di pubblico molto positiva e la soddisfazione degli espositori. Così come vincente è risultata la più stretta partnership tra IEG e Grossetofiere, attraverso il suo ingresso in GFI, la consolidata sinergia con CNCN e la collaborazione con le istituzioni del territorio. Game Fair, dunque, si conferma appuntamento immancabile per tutte le aziende leader del settore e si rafforza quale grande Festival della natura e degli sport all’aria aperta, in uno scenario straordinario come la Maremma, un sodalizio ideale per continuare a valorizzare il mondo dell’outdoor”.

 

Carlo Pacini, Direttore di Grossetofiere, ha sottolineato: “È stata una grande edizione, da tutti i punti di vista, a partire dalla partnership strategica con IEG e CNCN. Tutte le novità introdotte hanno funzionato, l’organizzazione e la logistica sono stati impeccabili, con parcheggi, strutture e servizi a disposizione degli espositori e dei visitatori. Siamo quindi molto soddisfatti, soprattutto per il riscontro ricevuto dalle aziende e perché il pubblico si è divertito. Game Fair è una macchina in continuo movimento e per il prossimo anno puntiamo a fare ancora meglio. Consolideremo e potenzieremo il format, con nuovi eventi e nuove aree tematiche negli ampi spazi a nostra disposizione”.

 

Nicola Perrotti, Presidente di CNCN, ha affermato: “Game Fair si è confermata la manifestazione di rifermento per tutti gli appassionati di attività outdoor e country. Il successo di questa edizione, testimoniato dalla crescita del numero di visitatori, dimostra l’interesse crescente per le discipline che abbinano la passione venatoria al contatto con la natura, capaci di coinvolgere visitatori di tutte le età. A tal proposito mi piace sottolineare la significativa presenza dei giovani che sono stati protagonisti di numerose attività sportive, ludiche ed educative, svolte nell’inimitabile cornice naturalistica della Maremma”.

Enzo Albiati con le vacche Maremmane seguite dai buoi e dai Butteri

Da sempre protagonista di Game Fair, l’attività del tiro sportivo si è articolata in 11 linee, dove gli appassionati hanno testato i prodotti delle principali case armiere, in 2 nuove linee dedicate alla canna rigata, nel tiro no fire (lancio coltelli, aria compressa, soft air, tiro a fionda e tiro con l’arco), in esibizioni dei fuoriclasse e competizioni nazionali.

Novità di questa edizione il mondobike, con numerose attività alla portata di tutti: pedalate facili e brevi attorno all’area espositiva della fiera, bike tour in MTB verso il Castello di Montemassi, pedalate assistite Itaway sino al borgo medievale di Montepescali, esibizioni di Street Bike Trial.

Altra novità l’off road. La presenza del fuoristrada è risultata coerente con la sede rurale della manifestazione. Un’arena di circa 10.000 mq con scavi e ostacoli ha ospitato test drive, battesimi del fango, esibizioni di off road estremo, raduno di mezzi off-road.


L’equitazione, tratto distintivo di Game Fair e della Maremma attraverso la tradizione dei Butteri, quest’anno ha offerto nuove attività, tra cui escursioni a cavallo nell’entroterra maremmano, trekking nel Parco della Maremma, battesimo della sella per bambini e ragazzi, lo show di Rudj Bellini, dimostrazioni di Western Dressage, i volteggi degli Aragona’s e tanta attenzione alle tradizione con degli spaccati culturali sul “cavallo da lavoro”, a raccontare la lunga tradizione al fianco dell’uomo nel corso della storia.

Federico Forci durante il numero in libertà con i suoi Maremmani

Ampio spazio è stato riservato alla cinofilia, con oltre 500 esemplari esibitisi in numerose discipline, raduni nazionali tra cui quelli di Segugi Maremmani, Bracchi italiani, Setter delle tre varietà, (inglese, gordon e irlandese). Una grande area campo ha accolto tutte le iniziative: percorsi di agility, sheep dog, splash disc dog, dance dog, obedience, mondioring.

Tra gli altri spettacoli più suggestivi, quelli di falconeria condotti dal più importante gruppo italiano, i Falconieri del Re, che hanno fatto vivere la magia di un’arte antica quanto nobile con l’esibizione di magnifici esemplari di rapaci.

Per la prima volta hanno partecipato a Game Fair le più prestigiose Istituzioni del comparto: il Reggimento Savoia Cavalleria, presente con mezzi visitabili al pubblico; il centro veterinario militare, con la presenza della mascalcia e di un’unità cinofila che si esibirà nella ricerca di materiali esplodenti; il comando provinciale dei carabinieri con prove di ‘ricerca molecolare’ e pattugliamento a cavallo.


 

Presentato in anteprima al Game Fair 2017 il BRAND “A…TRAZIONE CAITPR”: IL CAVALLO DA LAVORO TRA CULTURA DEL TERRITORIO E BIODIVERSITÀ

Una cartolina d’altri tempi, così antica da sembrare moderna in un susseguirsi di emozioni legati esclusivamente alla nostra storia ma anche all’evoluzione in termini di “utilizzo moderno”.

L’Italia vanta uno dei patrimoni zootecnici più eterogenei al mondo.
Il cavallo chiaramente, in seguito alla meccanizzazione dell’agricoltura, ha subito un processo abbastanza rapido di “dismissione” a favore di impiego in attività sportive e ludico-amatoriali.

Attualmente molto richiesto in progetti élitari per la riscoperta e conservazione di antiche semenze autoctone nelle lavorazioni dei vigneti a produzione biologica, il CAVALLO AGRICOLO  vanta a tutt’oggi una sentita e partecipata scia di appassionati allevatori che non perdono occasione per valorizzarlo nelle sue “modalità originarie“:  il cavallo da lavoro che per secoli ha affiancato l’uomo nella vita quotidiana e da sempre ne ha costituito il “valore aggiunto“, nonché elaborato un concetto di “binomio”, inteso come feeling e collaborazione, ma senza dimenticare  che per  tradizione è la razza che ha affiancato l’uomo nelle tradizioni agricole e boschive.

 


I Butteri della Valle di Lady in una dimostrazione di lavoro con i puledri

Dal 2015 Game Fair si svolge nel Centro Fiere di Grosseto. Per i suoi tesori culturali, storici, naturalistici e gastronomici, la Maremma è il territorio ideale per questo tipo di manifestazione, al centro di un’area che comprende le principali città di Toscana, Umbria e Lazio e con la più alta densità di amanti degli sport outdoor e venatori in Italia.

Il format Game Fair è nato in Inghilterra nel 1950 su iniziativa della “Country Landowners Association”, che periodicamente riunivano gli amanti della attività venatorie, dei cani, dei cavalli, della pesca e della vita in campagna per valorizzare la cultura rurale. È presente anche in Francia, Spagna, Stati Uniti, Sudafrica e dal 1991 in Italia

www.gamefairitalia.it


 

PR and MEDIA RELATIONS ITALIAN EXHIBITION GROUP – LIFESTYLE & INNOVATION

FiloComunicazione, Milano Tel. +39 02 6599155

Gaia Morelli gaia.morelli@filocomunicazione.it339 5462007

Enrica Cremascoli enrica.cremascoli@filocomunicazione.it02 6599155

UFFICIO STAMPA ISTITUZIONALE ITALIAN EXHIBITION GROUP

MY PR Lab, VicenzaTel +39 0444512550

Filippo Nanifilippo.nani@myprlab.it  335 1019390

Alessandro Amatoalessandro.amato@myprlab.it 392 7480967

PRESS CONTACT ITALIAN EXHIBITION GROUP SPA

Elisabetta Vitali – Head of national media & corporate communication mediarimini@iegexpo.it

Patrizia Rovaris – Head of international media & corporate communication mediavicenza@iegexpo.it

© Copyright Carrozze&Cavalli · Powered by Purple Lab Design