Stai guardando: Home » Cronaca e Attualità, In Evidenza » CAI* Caravino 2017 – Anteprima, News, Classifiche

 

L’uomo (con carrozza & cavallo) venuto dalla pioggia

 

“Miss Eleganza Attacchi” Caravino 2017

 

A tutti i concorrenti l’ambita targa di cui far bella mostra in scuderia

 

Massimo Filisetti e la moglie Sara gestiscono il Circolo Ippico “LO SPERONE” che si trova proprio sulla collina di Caravino; un ambiente caldo e accogliente per chi vuole avvicinarsi all’attività equestre a livello amatoriale, ma anche per chi la pratica a livello agonistico: Massimo è Istruttore FISE di monta all’inglese.

Ecco che anche la nuova generazione Filisetti si cimenta nei “Primi Passi”

 

Per Concorsi di questo livello, della durata di più giorni, con equipaggi che arrivano da varie parti d’Europa, l’accoglienza e l’ambiente comodo e rilassante immerso nel verde, per guidatori e cavalli è un elemento di fondamentale importanza.

 

“El Grinta”

 

Il mistero del Driver in “blù”: non è un “Azzurro” e i paracolpi dei cavalli non mentono!

 

Si è conclusa ieri, 9 aprile 2017, la terza edizione del Concorso Internazionale di Attacchi 2* di Caravino/TO, al quale era abbinato un Concorso Nazionale di completo per le categorie Brevetti e 1° Grado.

Insolitamente corposa la schiera dei partecipanti al CAI (Concorso Internazionale), con ben 15 concorrenti d’Oltralpe ed una trentina di italiani, tutti agguerritissimi, nell’anno in cui sono programmati due importanti Campionati del Mondo: quello di Pariglie Cavalli a Lipiça/Slovenia e quello riservato a tutte le categorie di Pony – Singoli, Pariglie, Tiri a Quattro – a Minden/Germania.

La parola chiave che ha caratterizzato le gare è stata “soddisfazione”. Un pieno successo per l’organizzazione delle varie prove che si sono dipanate come ingranaggi magnificamente oliati, grazie soprattutto al costante impegno e alla grande professionalità dello staff tecnico messo in campo, dai giudici di assoluto primo piano, alla Delegata Tecnica, dagli Steward al Costruttore di Percorso fino alla Segreteria che ha saputo smussare tutti gli angoli, inevitabili in un contesto dove lo stress la fa da padrone.

Da sinistra: Roland Morat, Adam Szepesi, Marjorie Magnin, Zsuzsi Mityko, Andrew Counsell, Stefan Keszycki, Giuseppe Del Grande, Barna Fejer, Elvezia Ferrari

 

In attesa di elaborare un articolo più dettagliato, ecco intanto alcuni cenni sui risultati iniziando dalle 7 categorie del CAI.

Nei Children vittoria di Francesca Consolini con l’ormai collaudatissimo mini Appaloosa Berani van de Wittehoeve davanti ad Andrea Pili in campo sia con il pony Babalui con il quale ha disputato l’ultimo Campionato Europeo, sia con il nuovo acquisto Blakt’s Darwina che, pur necessitando ancora di un maggiore affiatamento, ha comunque già dimostrato di avere delle buone carte da giocare.

Children: 1° F. Consolini, 2° e 3° A. Pili, con il Capo Dipartimento Attacchi FISE, Avv. Carlo Misasi

 

Vittoria nella categoria Juniores per Chiara Usuelli davanti a Sara Bombelli: prestazioni molto equilibrate di entrambe le atlete con la conquista del primo gradino del podio da parte di Chiara soprattutto grazie ad un magnifico percorso netto nei coni con solo 1,47 penalità per il superamento del tempo accordato.

 

Junior: a destra Chiara Usuelli (1°), a sinistra Sara Bombelli (2°) con l’Avv. Carlo Misasi

 

Passando ai Cavalli, nei Singoli si è imposto Luca Cassottana che, per meno di 1 punto, è riuscito ad accaparrarsi la vittoria finale davanti a Luca Bordet, vincitore del dressage. Al terzo posto un driver elvetico, Giacomin Barbüda. A seguire altri 10 concorrenti di cui 2 svizzeri ed una tedesca. Giornata sfortunata per Cristiano Cividini che per un problema ai finimenti nella prova di dressage ha visto sfumare la testa della classifica. Da segnalare la vittoria in maratona di Gianluca Addondi, terminato al 4° posto finale, ed il migliore percorso nei coni ad opera di Enrico Tortella.

 

CAI Singoli Cavalli: al centro Luca Cassottana (1°), a sinistra Luca Bordet (2°), a destra Giacomin Barbuda/Sui (3°)

 

Sulle Pariglie Cavalli erano puntati tutti gli occhi, visto l’importante appuntamento a venire. Primi 3 posti nel dressage per Jozsef Dibak con due nuove pariglie e per Francesco Aletti Montano con i fidati cavalli degli ultimi Campionati del Mondo. Questo shock iniziale ha probabilmente risvegliato gli animi degli avversari che hanno deciso di dare strenua battaglia. Ci è riuscito soprattutto lo sloveno Miha Tavcar che, vincendo sia la maratona che la prova coni, si è aggiudicato il più alto gradino del podio. Dibak riusciva comunque a concretizzare un secondo ed un quarto posto finale, mentre Aletti, soddisfatto dell’ottima prestazione in dressage, decideva di continuare la gara puntando più alla fluidità dell’esecuzione e ad una buona intesa con i cavalli che al risultato ad ogni costo. Un ottimo terzo posto infine per Beat Schenk, collaudatissimo guidatore svizzero che da molti anni ormai figura nella lista della prima squadra elvetica per i Mondiali, nei quali ha vinto la medaglia d’argento a titolo individuale nel 2009.

 

CAI Pariglie Cavalli: al centro Miha Tavcar/Slo (1°), a sinistra Jozsef Dibak (2°), a destra Beat Schenk/Sui (3°)

 

Per quanto riguarda i Pony, Cristiano Cividini è riuscito a strappare la vittoria nei Singoli a ben 3 stranieri, ognuno di nazionalità diversa, che a loro volta hanno lasciato alle spalle il nostro Emilio Gamba, unico percorso netto della categoria nei coni e Ivano Cavina.

 

CAI Pony Singoli: da sin. Edwin Kiefer/Ger (2°), Cristiano Cividini (1°), Rebecca Nick/Aut (3°), Pascaline Avril/Fra (4°), Emilio Gamba (5°)

 

Passando alle Pariglie Pony che dire dell’impresa messa a segno dall’altoatesino Johann Weitlaner con le sue cavalline Haflinger? Primo in tutte le prove e oltre 30 punti di vantaggio nella classifica finale, dove ha preceduto Alessandro Calzavara e altri 2 concorrenti svizzeri.

 

CAI Pariglie Pony: sul gradino più alto Johann Weitlaner, a sinistra Alessandro Calzavara, a destra Sandra Chardonnens premiata dall’Avv. Carlo Misasi

 

Dulcis in fundo il principe degli attacchi: il tiro a quattro. In quest’occasione, assenti i cavalli, hanno tenuto banco i Pony, combattivi, instancabili e tanto, tanto simpatici! Su tutti si è imposta la Germania con Dieter Höfs, che ha preceduto la Francia rappresentata da Nicolas Clair. Terzo posto finale per il nostro Marco Perinotto autore di un magnifico secondo piazzamento sia in dressage che nei coni, segno che la strada intrapresa sta dando buoni frutti.

 

CAI Tiri a Quattro Pony: 1° Dieter Hoefs/Ger, 2° Nicolas Clair/Fra, 3° Marco Perinotto, 4° Peter Schenk/Aut

 

A margine di tutto questo un ottimo trapolino di lancio anche per i concorrenti del Completo Nazionale CAN, dove anche tra i Brevetti si incominciano a vedere quella grinta e quella determinazione che fanno presagire rapidi progressi. Quale miglior esempio della vincitrice, la sedicenne Virginia Sategna? Solo al suo secondo impegno importante, è riuscita ad avere la meglio su Carolina Cei – nipote – e Ugo Cei – zio: una famiglia che sembra puntare in alto!

 

CAN Brevetti: 1° Virginia Sategna, 2° Carolina Cei, 3° Ugo Cei

 

Per quanto riguarda i patentati di 1° Grado, hanno conquistato il podio nell’ordine Matteo Crimella, Stefano Formica e Stefano Bordignon. Da segnalare la magnifica vittoria di Giulio Tronca nel dressage, merito non solo della nuova carrozza da presentazione, ma soprattutto del costante lavoro di affinamento in vista dell’auspicata partecipazione ai Campionati del Mondo di Attacchi Paraequestri all’inizio di ottobre in Ungheria.

 

CAN 1° Grado: 1° Matteo Crimella, 2° Stefano Formica, 3° Stefano Bordignon

 

Per qualche particolare in più rimandiamo ad un prossimo articolo corredato da tante belle foto.

 

classifiche

© Copyright Carrozze&Cavalli · Powered by Purple Lab Design